Benevento, colpaccio a Trigoria! Rallentano Toro e Inter

Per una volta non è il gruppo B e non sono le big lombarde rossonerazzurre a prendersi il palcoscenico di Allievo Modello: il 20° turno di Under 17 – mancano quindi solo 6 giornate al termine della regular season, aspetto da iniziare a considerare bene – è un divertente... casino, passateci il termine con declinazione calcistica, soprattutto per quanto riguarda il derby di Torino per il primato nel gruppo A e la sfida inedita tra Roma e Benevento nel gruppo C. In particolare la vittoria esterna dei sanniti, contro i giallorossi, è sicuramente la sorpresa più eclatante di giornata! Ma entriamo nel vivo della questione, partendo dal primo raggruppamento...

GIRONE A

Torino-Empoli 2-3 [Celesia (2) – Bertolini, D.Donati, Tempesti]

Pro Vercelli-Genoa 2-3 [Volpatto, Contri – Klimavicius (2), Rovella]

Carpi-Novara 1-5 [Simone – Pereira (2), Beretta (2), Renolfi]

Juventus-Parma 4-1 [Petrelli (3), Fagioli – Kasa]

Cremonese-Sampdoria 2-0 [Bingo, Kadjo]

Fiorentina-Spezia 1-1 [Servillo – Nardelli]

Sassuolo-Entella RINVIATA

Classifica

Torino 47

Juventus 45

Genoa 39

Sampdoria 34

Novara 33

Marcatori

Petrelli 16

Moreo 13

Mattioli 12

Da record il bottino-gol, ben 25 e senza il match di Sassuolo, rinviato per il maltempo di questi ultimi giorni d'inverno. Il colpaccio, che riapre ulteriormente tutto, è ovviamente quello dell'Empoli sul campo della capolista Torino: partita pazza e fuori controllo per una squadra, quella di Sesia, che nonostante i 3 gol incassati (in un solo tempo) resta la miglior difesa in assoluto in categoria, un 2-3 segnato dal rigore sbagliato da Moreo e dall'inferiorità numerica per i granata, puniti anche dall'8° centro in campionato di Davide Bertolini, tra i migliori in questa stagione per gli azzurri. Da segnalare in ogni caso la bella doppietta di Christian Celesia per i padroni di casa, che vedono con preoccupazione accorciare in classifica i cugini bianconeri: fantastico momento di forma di Elia Petrelli, arrivato con la tripletta contro il Parma a quota 16, saldo in testa alla graduatoria dei bomber del girone. Subito dietro di lui tra i migliori marcatori juventini Nicolò Fagioli (9 reti), forse prospetto addirittura più completo e pronto del compagno e non a caso già spesso convocato in Primavera sotto età. Sono solo 2 ora i punti di differenza e se il Toro ha la migliore retroguardia, la Juve mantiene con 44 gol segnati il migliore reparto d'attacco, proprio grazie ad una coppia di talenti di livello nazionale, seguiti da vicino da Nunziata in vista della fase elite dell'Europeo Under 17, a fine mese in Olanda. Sempre più solido al 3° posto poi il Genoa di mister Chiappino, vittorioso sul campo della Pro Vercelli nel weekend della terza sconfitta nelle ultime quattro giornate di una Samp in evidente calo, punita da Kadjo e da Marco Josè Bingo a Cremona, campo che si sta dimostrando molto, molto complicato per tutti in questo girone di ritorno. Resta al 4° posto la squadra blucerchiata ma insidiata da un Novara che al contrario sta cercando di lanciarsi in zona-playoff e che sfrutta la verve della coppia Leonardo Pereira-Roberto Beretta, che viaggiano entrambi – grazie alla doppia doppietta – a quota 5 realizzazioni in stagione. Esce dalle zone importanti per la post season la Fiorentina di Cioffi, fermata ancora sul pari dallo Spezia nonostante il 7° sigillo di Michele Servillo, ex Prato.

GIRONE B

Lazio-Atalanta 0-5 [Kobacki, Kichi, Cortinovis, Traore, autogol]

Chievo Verona-Brescia 1-0 [Enyan]

Bologna-Cesena RINVIATA

Cagliari-Cittadella 3-1 [Cannas, Agostinelli, autogol – Bariol]

Milan-Hellas Verona 4-3 [Tonin (2), Sala, Frigerio – De Zotti, Rudella, Bernardinello]

SPAL-Inter 1-1 [Seck – Esposito]

Udinese-Venezia 0-0

Classifica

Atalanta 51

Inter 45

Milan 43

Cesena 38

Cagliari 37

Marcatori

Vergani 17

Manara 14

Cannas 13

Rabbi 12

Rovaglia e Cortinovis 11

Altro match rinviato, il derby emiliano-romagnolo tra Bologna e Cesena e pari senza reti tra Udinese e Venezia, nella sfida del nord-est, per quanto riguarda un secondo raggruppamento che – senza le goleade di Milan e Atalanta – avrebbe toccato certamente il record negativo di segnature, contrapponendosi a quanto abbiamo visto per il gruppo A. In questo senso il risultato più clamoroso è il pari dell'Inter a Ferrara, contro una SPAL che riesce a frenare l'incedere dei nerazzurri, reduci da 9 vittorie di fila tra fine 2017 e inizio 2018: in gol per la squadra di Zanchetta quello che abbiamo già definito uno dei ragazzi classe 2002 più interessanti d'Italia, Sebastiano Esposito, a quota 7 in campionato. Torna dunque a distanza di sicurezza in vetta l'Atalanta (+6), con il pokerissimo sul campo della Lazio: da segnalare l'11a meraviglia di capitan Cortinovis, sempre più colonna della squadra di mister Bosi, oltre all'8° centro in stagione di Amad Traorè, probabilmente il talento più interessante della categoria tra i non italiani. Un classe 2002 che è nato in Costa d'Avorio ma si è trasferito presto in Italia e stiamo seguendo a distanza, in attesa di notizie sulla possibilità del doppio passaporto e della eventuale "convocabilità" in azzurro... Chi invece è sicuramente italiano e già sicuro di una maglia nella selezione Under 17 di Nunziata è bomber Riccardo Tonin, centravanti del Milan e autore di una doppietta decisiva (doppia cifra raggiunta per lui) contro l'Hellas, nel 4-3 finale che ha visto nuovamente grande protagonista anche Alessandro Sala. Ormai ad ogni appuntamento con Allievo Modello trovate il suo nome ed un nostro approfondimento su di lui; avrete capito quanto crediamo possa essere decisivo quest'anno per la squadra di mister Baldo e magari in futuro – sulla scia dei vari Calabria, Cutrone e Locatelli – in Prima Squadra. Da centrocampista, per lui, 4 gol segnati solo nel girone di ritorno. Resta saldo in quinta posizione il Cagliari guidato dal suo centravanti Daniele Cannas (ancora un timbro sul cartellino per lui, sono 13 in totale), anche se nel Citta – al netto di risultati non entusiasmanti – si è ritagliato un grande spazio Nicholas Bariol, il più promettente del gruppo granata, con 6 gol all'attivo. Chiude il quadro la quarta vittoria nelle ultime 5 giornate del Chievo di Mandelli, di misura sul Brescia.

GIRONE C

Crotone-Ascoli 0-4 [Intinacelli, Gega, Rossi, Buonavoglia]

Perugia-Bari 0-3 [Nannola, Pierno, Alba]

Roma-Benevento 0-2 [Di Serio, Mirante]

Frosinone-Pescara 2-1 [Veneruso, Altobello – Palmucci]

Foggia-Napoli 0-5 [D.Esposito, G.Guadagni, Labriola, Giliberti, Chianese]

Palermo-Salernitana 1-0 [Quaranta]

Avellino-Ternana 2-1 [Migliaccio, Coiro – Pavone]

Classifica

Roma 45

Benevento 42

Napoli e Ascoli 38

Frosinone 37

Marcatori

Iannone 14

Altobello 12

Coiro 11

Il risultato più "forte" della scorsa giornata di Under 17 è senza dubbio quello uscito sulla ruota di Roma, nel big match tra i giallorossi di Baldini e il Benevento: strepitosa prova di forza dei campani, partiti alla grandissima in stagione e poi recuperati e staccati proprio dalla Roma in vetta. Superato il momento di difficoltà, i ragazzi di Bovienzo hanno ingranato ancora una marcia alta, molto alta; certo, mancava un'imposizione di questo livello e i gol di Giuseppe Di Serio (ex Sudtirol, arrivato in estate dopo l'esperienza in Eccellenza, a Taranto) e Giuseppe Mirante – oltre alla prova difensiva, con la porta inviolata in casa della squadra con il miglior attacco del raggruppamento – rilanciano anche le ambizioni di primato dei sanniti, a -3 dai rivali. Vincono tutte però anche le inseguitrici: poker dell'entusiasmante Ascoli di mister Cerasi sul campo del Crotone grazie all'ennesima prova di qualità in avanti e all'8° sigillo stagionale di Kevin Buonavoglia. A braccetto con i bianconeri c'è il Napoli, che ritrova a Foggia il gol del suo capocannoniere Valerio Labriola e sfrutta il momento di forma esaltante di Chianese, al terzo gol nelle ultime due partite. Bene anche il Frosinone dei soliti Altobello e Veneruso, con quest'ultimo che ritrova la via della porta (rete numero 7 per lui) a distanza di qualche mese, visto che non aveva ancora segnato nel girone di ritorno. Dietro le prime cinque, il vuoto: 10 punti di solco tra i ciociari e il Palermo, con zona-playoff blindata di fatto. Un fattore, considerando che spesso negli ultimi anni la peggior quinta, per intenderci la prima delle non qualificate per la post season nei 3 gironi di campionato, è uscita proprio da questo girone. Difficile credere che andrà così anche in questa stagione, visto che – al momento - è il gruppo A quello più "attardato"... Questo nonostante i 3 punti ottenuti dai rosanero, con il secondo gol di Ivo Quaranta, arrivato a 19 giornate di distanza dal primo, che aveva segnato al debutto a settembre! Curiosità statistiche a parte, chiudono il giro d'orizzonte la netta imposizione esterna del Bari a Perugia e il 2-1 dell'Avellino alla Ternana. Impossibile, visto il rendimento altalenante degli irpini, non sottolineare la media realizzativa di Domenico Coiro, arrivato - con il sigillo alle Ferette - al bottino di 11 reti stagionali.