Allievo Modello – Under 17 AeB, super Vergani trascina l’Inter! E il Benevento vola a punteggio pieno

Scontri diretti, conferme e sorprese: riassumendo in maniera esasperata l'ultimo weekend  del campionato Under 17, questo è il risultato! Parola chiave per parola chiave, girone per girone, è stato un fine settimana con tre protagoniste su tutte: Juventus, Inter e Benevento...

 

GIRONE A

Empoli-Cremonese 2-2 [Caradonna, Bertolini – Kadjo, Bertazzoli]

Fiorentina-Juventus 0-2 [Fagioli, Petrelli]

Genoa-Sassuolo 1-0 [Poggi]

Novara-Pro Vercelli 1-1 [Pereira – Danovaro]

Parma-Carpi 1-1 [Spinelli – Cinelli]

Sampdoria-Entella 3-1 [Y.Mpie, Orlando, Prelec – Vianni]

Spezia-Torino 0-1 [Moreo]

-

Partiamo dal primo "titolo" di giornata: scontri diretti. Per eccellenza, ai livelli di un derby interregonale, quello tra Fiorentina e Juventus, prima di questa domenica al primo posto e secondo posto nel raggruppamento. Per entrambi questi motivi, pesantissima la vittoria esterna dei ragazzi di Pedone: le due firme sul tabellino, nemmeno a dirlo, sono quelle dei due singoli di maggiore qualità, che di fatto nominiamo in ogni appuntamento con Allievo Modello! Nicolò Fagioli ed Elia Petrelli, anche stavolta, ci hanno messo il carico... Primo stop dopo 4 vittorie di fila quindi per la Viola di Cioffi, superata dai rivali bianconeri e insidiata ora a dalle genovesi, appaiate all'inseguimento delle prime due in classifica: weekend soddisfacente sia per il Genoa di mister Chiappino – in gol con Mattia Poggi – e per la Samp di Pavan. Blucerchiati alla seconda vittoria di fila dopo il pesante KO interno contro il Sassuolo alla 3a giornata e sempre trascinati da Francesco Pio Orlando. Al terzo sigillo personale in campionato. Strappa poi un successo prezioso il Toro di Sesia, che espugna il campo del Ferdeghini di La Spezia grazie al gol di Niccolò Moreo e alle parate di Luca Trombini. Decisiva la prova-monstre dell'estremo difensore classe 2001, tornato in granata dopo 6 mesi di prestito a Vercelli e che – pur tra qualche alto e bassi più che fisiologico – sta dando buoni segnali allo staff granata. Chiudono il quadro per il gruppo A tre pareggi: sotto i riflettori per noi quello tra Empoli e Cremonese, con il terzo sigillo stagionale per Andrea Bertazzoli, giovane attaccante classe 2002 in prestito dall'Inter in grigiorosso. E che sta sfruttando per ora alla grande l'opportunità da titolare, come sottoetà del gruppo di mister Danelli.

 

GIRONE B

Atalanta-Chievo Verona 2-1 [Cortinovis (2) – Enyan]

Brescia-Milan 1-3 [Ibrahimi – Maldini, Tonin, Brambilla]

Cesena-Cagliari 2-1 [Manara, Zabre – Cannas]

Cittadella-Udinese 1-1 [Nichele – Parpinel]

Hellas Verona-Venezia 1-0 [Bogoni]

Inter-Bologna 5-1 [Vergani (3), Esposito, Mitrea – Castaldi]

Lazio-SPAL 4-1 [Del Mastro (2), Nicodemo, Silvestre – Ardelean]

-

Secondo "titolo" di giornata: le conferme. Arriva dal secondo raggruppamento la risposta più continua a decisa tra le squadre che ambiscono ad un'annata da protagoniste. Vincono Inter, Milan e Atalanta, le tre BIG; vincono però anche Cesena e Hellas Verona, le outsider che stanno facendo benissimo. Partiamo, privilegiando le immagini del nostro Franco Ricci, con la sintesi della settimana:

 

Inter che stravince contro un Bologna reduce da 3 vittorie (di fila) in 4 giornate, Atalanta che – seguendo la traccia nerazzurra – vince bene e in rimonta sul Chievo Verona: i ragazzi di mister Mandelli erano imbattuti fino al fischio d'inizio a Zingonia e con il solito gol di Enyan Elymelech – che nominiamo e applaudiamo volentieri pur non essendo uno dei nostri portabandiera LGI, perchè meritevole, sul campo – si erano portati anche in vantaggio a metà match. Poi però, ecco il talento vero di Alessandro Cortinovis: noi ve lo abbiamo presentato 2 anni fa, quando dopo un Memorial Scirea trionfale per i bergamaschi e deciso - contro il Barcellona - proprio da lui, ha iniziato a brillare non solo a livello locale la sua stellina. Tanto da attrarre, in questi mesi, anche gli scout della Juventus... Tornando al presente, doppietta nel giro di pochi minuti, 3 punti griffati pesantemente e la conferma che, anche dai suoi piedi, passa buona parte del destino dell'Atalanta in questo campionato. A proposito di 2001 più che intriganti, continua a segnare Daniel Maldini: leggero ed elegante, con il suo 10 sulle spalle in barba all'eredità di nonno e papà – che giova ricordarlo sono stati tra i più forti e amati giocatori della storia del Milan, per capire alla lontana cosa deve voler dire indossare il rossonero per lui – il ragazzo dimostra di avere margini crescita e di proseguire un cammino che finora ha toccato il picco massimo nello Scudetto U16 della scorsa stagione. Ma che, assieme a bomber Tonin e al resto del gruppo tricolore, può regalare parecchie soddisfazioni a Filippo Galli e al suo staff. Davanti a tutti comunque resta il Cesena di Ceccarelli, trascinato da Nico Manara e vittorioso sul Cagliari di Daniele Cannas, così come sorprendente è il trend in impennata dell'Hellas di mister Pellegrini, avanti di misura nel derby veneto contro il Venezia, grazie a Giacomo Bogoni. Un plauso particolare, dopo la caterva di gol al passivo delle prime 4 giornate, lo merita la Lazio di D'Andrea: i giovani biancocelesti trovano un bel poker contro la SPAL, grazie alla verve offensiva di Cristiano Del Mastro e Lorenzo Nicodemo, sempre in crescita e pronti a prendersi per mano la squadra. Giro d'orizzonte chiuso, infine, dal pari tra Cittadella e Udinese.

 

GIRONE C

Bari-Ascoli 2-4 [Ansani, Nannola – Di Francesco (2), Buonavoglia, Vitale]

Benevento-Crotone 2-1 [Russo, Di Serio – Rodio]

Pescara-Perugia 0-3 [Amatucci, Corsi, Metelli]

Foggia-Avellino 3-0 [Rosi (2), autogol]

Napoli-Frosinone 2-4 [D.Esposito, A.Esposito – Veneruso, Altobello (3)]

Salernitana-Roma 2-1 [Iannone (2) – Greco]

Ternana-Palermo 1-1 [Mercuri – Antonizzi]

-

Terzo e ultimo "titolo": la sorpresa. Non c'è che dire, pensare ad un Benevento unica squadra a punteggio pieno dopo 5 giornate di campionato Under 17 non era cosa per tutti! E invece solo applausi per la squadra di mister Bovienzo, capace di superare il Crotone – altra squadra partita alla grande ma ora al secondo KO di fila – ancora una volta senza l'ausilio in termini realizzativi del bomber, Dublino. Ancora in rete "una vita da mediano" Domenico Russo, che dopo il timbro decisivo di 7 giorni fa replica, in compagnia di un baby prodigio arrivato da poco tra le fila sannite, dalla Puglia. Giuseppe Di Serio, classe 2001, è passato in agosto dall'Hellas Taranto - Eccellenza pugliese, dove ha collezionato 16 presenze nella scorsa stagione, in Prima Squadra, a soli 16 anni! - al Benevento e non ci ha messo molto a essere determinante: pazzesco il finale del match, con l'1-1 di Francesco Rodio (4° gol in 5 giornate, da esterno basso, altro dato incredibile) al minuto 80 e il 2-1 giallorosso all'82°! Firmato proprio da Di Serio. 15 punti, copertina di diritto e la promessa di essere una squadra in grado di lottare per i playoff e per le piazze che contano, fino a fine regular season, per i campani. Anche e soprattutto perchè le altre in realtà balbettano, piuttosto strano visto il raggruppamento, di solito dominato a mani basse da Roma o Palermo: giallorossi al primo KO, in casa di una Salernitana trascinata da bomber Iannone, incontenibile e autore di un'altra doppietta; siciliani fermati, per par condicio, dalla Ternana e da Luca Mercuri. 1-1 il finale a Terni, così come era successo proprio alla Roma, due settimane fa, sempre con l'ex Lodigiani in rete. Sgomita e si fa largo allora anche il Frosinone, che dopo un avvio a rilento, grazie alla vena realizzativa di Giuseppe Veneruso, sta trovando il passo giusto: dopo la doppietta contro il Foggia, altro timbro contro il Napoli per il mancino cresciuto nel vivaio della Real Casarea. Scherzo del destino, realtà dilettantistica partenopea... A condannare i baby azzurri però è Francesco Altobello, autore di una tripletta esplosiva!

 

2-4 il finale in casa del Napoli e con lo stesso punteggio termina Bari-Ascoli: due reti per Davide Di Francesco, una per Kevin Buonavoglia, la coppia del gol che può far sognare i bianconeri. Come avevamo, con grande modestia, previsto già diversi mesi fa, quando già segnavano entrambi in Under 17 da sottoetà... Per chiudere l'analisi di giornata, doppio 3-0: vittorie roboanti per il Perugia a Pescara e per il Foggia contro l'Avellino. Per i rossoneri, sugli scudi ancora Mario Rosi, capocannoniere dei suoi con 5 gol in 5 match, sugli 8 complessivi di squadra!