U16 A e B: Ranking, simulazione Playoff e preview 15° turno

Brutto, bruttissimo risveglio per le Streghe dopo il lungo riposo di Natale. Erano imbattute, ora non lo sono più, ribaltate, surclassate e appaiate in classifica da una Roma solida, concreta, mai doma. Alla fine per contare i gol ci è voluto il pallottoliere: 7 per i capitolini, 1 per i campani. Ebbene sì, dopo aver chiuso l'intero girone d'andata con appena 6 reti subite, il Benevento a Roma ne ha raccolte dalla propria rete 7 in una sola partita. Decisamente un'impresa nell'impresa, un risultato così eclatante che potrebbe lasciare il segno. In positivo per la Roma, che contro il Benevento, alla prima giornata, aveva incassato la sua unica sconfitta di questo campionato (4-0 il punteggio) e ora, con questa rivincita, volerà letteralmente sulle ali dell'entusiasmo. In negativo, forse, per il Benevento che dopo una scoppola del genere dovrà dimostrare di avere la forza di risollevarsi e proseguire il cammino senza troppe conseguenze. Staremo a vedere.

LA JUVE GIOCA CON GLI U15 E BATTE COMUNQUE IL CARPI
Altro risultato che ha fatto molto parlare di sé è stato il netto 4-0 con cui la Juventus ha liquidato il Carpi. Un risultato conseguito mandando in campo nove undicesimi della formazione titolare degli U15 a causa della squalifica di ben 25 giocatori del 2003 per gli ormai noti cori discriminatori all'indirizzo del Napoli dello scorso giugno. Uniche eccezioni Chibozo e Turicchia che lo scorso anno non erano nella Juventus e quindi non potevano essere squalificati.

BRUSCHI (E INATTESI) STOP PER MILAN E ATALANTA
Altri risultati che non ti aspetti sono state le rovinose sconfitte interne di Milan e Atalanta rispettivamente contro Chievo Verona e Bologna. I rossoneri avevano l'alibi di essere scesi in campo con molti titolari assenti, i bergamaschi quello di aver giocato comunque contro un'avversaria diretta, con Rosa (leader del nostro ranking) che ha anche fallito un calcio di rigore che sarebbe valso il pareggio. Di tutto ciò se ne avvantaggia l'Inter che dal canto suo non si è fatta stoppare dall'Udinese (1-2 il risultato) e ora guida il girone B con un vantaggio di cinque lunghezze sulle seconde, Milan e Atalanta, e addirittura dieci sulle terze, Bologna, Hellas Verona e SPAL.

SIMULAZIONE PLAYOFF DOPO 14 GIORNATE
Se il campionato finisse oggi, qualificate direttamente ai quarti di finale sarebbero Sassuolo, Lazio, Inter, Milan, Roma e Benevento, ovvero la prima e la seconda classificata dei tre gironi (in caso di pari punti vale la differenza reti). Primo turno di Playoff, invece, per le terze e quarte classificate, ovvero Juventus, Genoa, Atalanta, Bologna, Napoli e Frosinone, oltre alle due migliori quinte che questa settimana sono Ascoli e Sampdoria.

RANKING U16: MONTEVAGO SI RIPRENDE IL PODIO
Con una doppietta contro il Pescara, e approfittando della squalifica di Bonetti (Juventus), Montevago del Palermo si riprende il terzo gradino del podio alle spalle degli atalantini Rosa, primo, e Zuccon, secondo. Con un gol a testa, invece, guadagnano posizioni anche Gnonto (Inter), Donato (Sampdoria) e Riosa (Lazio), ora rispettivamente quinto, ottavo e nono. Da segnalare anche l'entrata in Top50 di Pozzessere dell'Ascoli, autore di una tripletta contro il Foggia.

Clicca qui per consultare il nostro Ranking U16 completo

PROSSIMO TURNO: LE SFIDE CHIAVE...
Match clou della seconda giornata del girone di ritorno saranno due incroci al vertice tra prime terze, ovvero Sassuolo-Juventus per il girone A e Napoli-Roma per il girone C. Da osservare con attenzione anche Lazio-Empoli, Bologna-SPAL, Hellas Verona-Udinese, Benevento-Ascoli e Cosenza-Salernitana. Riposeranno Sampdoria, Inter e Palermo.

...E I PROTAGONISTI PIU' ATTESI
Con Donato, Gnonto e Montevago costretti a guardare per il turno di riposo delle rispettive squadre, a muovere la nostra classifica di rendimento potrebbero essere i romanisti Modugno e Cassano, opposti al Napoli di Umile; l'intero tridente d'attacco del Benevento composto da Olimpio, Giampaolo e Agnello; oltre agli juventini Bonetti e Miretti e ai laziali Riosa e Mancino. Quanto ai primi due, gli atalantini Rosa e Zuccon, il loro vantaggio è così ampio che raggiungerli già domenica sarebbe pressoché impossibile.