Ranking femminile: bilancio di fine anno!

Il Natale e il Capodanno stanno arrivando, e oltre a portare qualche giorno di riposo, concedono la giusta atmosfera per tirare le somme di questa annata. Per la maggior parte delle nostre LGI, sicuramente una somma positiva dato che sono molte quelle che, non solo hanno presenziato in Serie A, ma la stanno proprio determinando.

Visualizza la classifica sul sito www.paologhisoni.it

CHIUSURA CON IL BOTTO. Chi conclude l’anno con il botto è sicuramente Benedetta Glionna, che contro il l’Hellas Verona mette in tutta evidenza i motivi per cui le è stato consegnato il premio Golden Girl come migliore Under21 europea: appena entrata, infatti, mette a segno un goal assurdo grazie a un tiro da fuori area che va, sicuro e preciso, ad abbattere Forcinella, impotente [consigliata la visione del video]. Chiude così il girone di andata in seconda posizione, presenza costante nella top10, con ben 45 punti in 569 minuti giocati.
Secondo posto, però, conteso con un’altra giocatrice che chiude anche lei alla grande l’anno: Manuela Giugliano. La rossonera, infatti, oltre al bel goal che mette in rete, fa propria una prestazione di livello contro il Chievo, servendo un assist perfetto per il secondo goal di Giacinti.

Se queste dominano principalmente la classifica bonus, le uniche due che raggiungono quota 1000 in termini di minuti sono Alice Tortelli e Arianna Caruso, e non in due squadre di bassa classifica, anzi, proprio il contrario. Sicuramente annata da incorniciare per entrambe, che possono proseguire il loro percorso puntando in alto. (Per sapere i minuti esatti guarda qui). Sotto solo a loro, sempre nella classifica minutaggio, un portiere, ma a voi l’onore di capire quale… un piccolo indizio ve lo si può dare: a contendersi una postazione top sono solo Forcinella e Aprile, entrambe interpreti eccellenti nell’ultima gara, nonostante i goal subiti.

Tra le autrici di grandi e belle prestazioni durante questa undicesima giornata, c’è ancora una volta Sofia Colombo, una vera rivelazione di questo campionato, che serve un pallone perfetto per Caccamo, che però non riesce a concludere degnamente a rete. La giovane classe 2001 è dall’inizio una presenza costante in top10 e chiude con 43 punti bonus. Altra scaligera che ha messo il suo zampino nell’Atalanta è Federica Anghileri, che sabato rientra finalmente dopo due mesi di stop.

Tra chi anche può ritenersi ben soddisfatta dell’annata, c’è sicuramente Heden Corrado, che aggiunge altri 90’ alla lista contro le undici viola della Fiorentina.

I RIENTRI e gli INFORTUNI: Il bilancio di fine anno porta sempre delle note positive e delle note negative. In ambito calcistico, oltre alle prestazioni e al minutaggio, da tener conto ci sono anche gli infortuni. Lo sa bene chi è stato fuori dal rettangolo di gioco per un po’, come Valentina Bergamaschi, che però talento e determinazione non li perde mai. Nell’ultima partita contro il Chievo serve un super assist da calcio d’angolo per Sabatino. Rientro il suo, dopo 8 mesi, che sicuramente peserà in positivo sul bilancio. Idem per Michela Catena, che si porta dietro la bella esperienza con il Tavagnacco, l’infortunio e l’approdo alla Fiorentina, dove sta completando il suo percorso di crescita.

Assenti invece nelle ultime giornate, anche se si spera per poco, Asia Sargenti e Veronica Battelani, che, nel complessivo, hanno comunque ottenuto ottime postazioni nel ranking (vedi QUI). Chi, invece, è alle prese con un bilancio un po’ più malinconico sono probabilmente Sofia Cantore, Angela Orlando, Elisa Polli, Alessia Piazza e Caterina Fracaros, costrette allo stop da brutti infortuni. Voglio concludere nominandole, affinché un nuovo anno si apra e conceda loro l’opportunità di recuperare il tempo perso.