Le LGI non si placano: è loro la semifinale di coppa italia

Sempre meno alla fine di questa lunga pausa e alla ripresa del campionato (con cui, vi ricordo, ritorna anche il nostro ranking). Settimane importanti quelle trascorse, con l’impegno della nazionale maggiore a Cipro, i raduni delle giovanili in preparazione all’elite round e tanto, tanto allenamento. Martedì 12 è sceso in campo il Sassuolo contro la Pink Bari, e ha trovato il suo primo successo dopo 5 giornate a secco. Le neroverdi si sono imposte con un 3 a 0, merito anche di una nostra ex LGI, Elisabetta Oliviero, a cui bastano solo 5 minuti per intraprendere un’azione in solitaria e abbattere Aprile, il numero 1 della formazione barese. Rientrante nel ranking, Betta si aggiudica un bellissimo +6, che le giova di qualche posizione.

Sono giovanissime le LGI che invece si impadroniscono dell’andata delle semifinali di Coppa Italia, in due partite che rasentano il professionismo e fanno accapponare i brividi sulla pelle. Intensità, brillantezza, velocità e tanta, tanta personalità: ecco che Arianna Caruso, al 74’, decide la vittoria della signora bianconera (2 a 1 contro il Milan) con un goal che mette al tappeto Korenciova e fa sorridere il talento classe ’99 e la squadra tutta. Primi minuti di una certa intensità anche per Sofia Cantore, che subentra all’86’ al posto di Bonansea.
Dall’altra parte, le giallorosse trovano un pareggio fondamentale contro la Fiorentina: partita che si decide negli ultimi dieci minuti, dove la formazione viola si porta in avanti con Bonetti, ma la risposta non tarda ad arrivare, e indovinate chi ne porta il vanto? Nulla di meno che Annamaria Serturini, la top player del nostro ranking, che sbaglia sì il rigore (forse merito della grandissima Francesca Durante), ma non si fa trovare impreparata nella ribattuta, dove riesce a mettere la palla in rete.

Due partite adrenaliniche, che vissute sulla pelle hanno un determinato effetto… e pensare che qualcuna di queste ragazze potrebbe arrivare a calpestare il terreno dell’Allianz Stadium il 24 marzo, nel match che vede protagoniste la Juventus e la Fiorentina.

Tra le fila della capitale, assente Heden Corrado, capitano dell’U17 che in questo momento deve guidare la sua squadra per permetterle di rispondere “presente” alla fase elite in programma dal 21 al 27 marzo, in Toscana: dalle azzurrine sotto l’egida di Nazzarena Grilli ci si potrebbe attendere delle grandi e belle soddisfazioni come, magari, chissà, (gufi permettendo) vederle ottenere il pass per la fase finale in Bulgaria. La qualità c’è, l’emozione pure, l’entusiasmo di certo non manca: il consiglio è di non perdere le sfide che le attendono contro Islanda, Slovenia e Danimarca. In bocca al lupo!