Francia 2019: la notte dei sogni… firmata LGI!

Notte magica quella al Franchi, ieri sera, con l’Italia che si impone sul Portogallo con un secco 3 a 0 che non ammette repliche. Notte dove i sogni sono possibili, e non solo possibili, ma anche realizzabili.
E lo si vedeva proprio su quei volti, quelli delle ragazze: di chi al triplice fischio si butta per terra e piange, chi ride, chi corre; perché in questi momenti la stanchezza non esiste, esiste solo la voglia di gridare, di saltare, di tirare fuori quell’emozione che ti fa scoppiare il cuore da quanto è grande. Una notte di sogni che si realizzano, i sogni di ciascuna, che poi si fondono in un unico grande scopo: la qualificazione al Mondiale 2019, che si giocherà in Francia il prossimo anno. Dal 1999 ad oggi: dopo 20 anni un’impresa che sa di storia.
Ed è un traguardo che porta la firma della Giovane Italia, basta pensare ai talenti di Manuela Giugliano e Aurora Galli (classe ’97 la prima, ’96 la seconda, presneti entrambe in tempi non sospetti nel nostro lavoro), ieri partite dall’inizio e in grado di fare la differenza in campo: bellissimo, tra le altre cose, l’assist di Galli sul 3 a 0 messo a segno da Bonansea. E poi Lisa Boattin e Francesca Durante, a disposizione, che un mondiale Under 17 l’hanno vissuto da protagoniste indiscusse: una con la fascia al braccio sinistro, l’altra para-rigori, e a cui ieri probabilmente è sembrato di fare un salto indietro, e di triplicare l’emozione della prima volta. Ma anche Valentina Bergamaschi, che forse in rosa avrebbe potuto rientrarci se non ci fosse stato l’infortunio a fermarla, ma che ha partecipato al cammino di questo traguardo. E allora sappiamo che non ci eravamo sbagliati: che questi talenti dovevano essere coltivati proprio a modo, affinché ieri, saltando in coro cantassero: “Ce ne andiamo al Mondiale”.

Ragazzi , meditate. La pazienza paga sempre.

Nicole Peressotti