Primavera 1, Atalanta e Millico ballano da soli in vetta

Prime quattro giornate in archivio per il campionato Primavera 1, con la sosta per gli impegni delle Nazionali che rappresenta il primo spartiacque utile per fare il punto della situazione sulla massima categoria del calcio giovanile italiano. Quella giocata nel weekend è stata una giornata molto significativa, che ha certificato la prima fuga solitaria della stagione e un cambio della guardia al comando della speciale classifica del Ranking Primavera 1.

CLICCA QUI PER RISULTATI E CLASSIFICA DEL CAMPIONATO PRIMAVERA 1

Cominciamo proprio dall'allungo in campionato, firmato da un'Atalanta che si conferma corazzata senza ostacoli: gli orobici stavolta soffrono, vanno sotto contro una buona Fiorentina ma rimontano con la forza del carattere e di un gruppo dove tutti sono utili e nessuno indispensabile. Prova ne sia la necessità di scorrere fino alla 23^ posizione del ranking per trovare il primo atalantino, segnale tangibile di una faretra più che mai ricca di frecce a disposizione di mister Brambilla. Costretta a cedere il passo, invece, la Juventus: i bianconeri impattano nel derby contro il Torino, una sfida nella sfida tra due dei protagonisti di questo avvio di stagione. Quella tra Vincenzo Millico e Elia Petrelli è stata una sfida all'OK Corral senza vincitori né vinti, con un gol a testa per la coppia di bomber che adesso guardano tutti dall'alto in basso nel Ranking Primavera 1. Il settimo gol del granata gli vale il vantaggio di un'incollatura sul collega bianconero, che potrà puntare sulla Youth League per perfezionare il sorpasso al rientro dalla sosta.

CLICCA QUI PER IL RANKING AGGIORNATO DEL PRIMAVERA 1

Si deve accontentare del gradino più basso del podio Gianmarco Cangiano, che partecipa da attore non protagonista al successo della sua Roma ai danni del Napoli. I giallorosso sono comunque in scia alla testa del gruppo, a braccetto col sempre più sorprendente Palermo che in Kevin Cannavò ha trovato un bomber capace di issarsi nella Top 20 del Ranking. Un altro cecchino che ormai ci ha preso gusto è Giacomo Raspadori, che si conferma con un interessantissimo "dark horse" per la corsa ai vertici del ranking: l'attaccante del Sassuolo timbra il cartellino nel pari contro la Sampdoria, e adesso vede da vicino il podio della speciale classifica. Vena realizzativa da prospetto top anche per Andrea Adorante, che con una doppietta rilancia l'Inter verso il successo contro l'Udinese che rimette i nerazzurri in scia ai vagoni nobili della classifica. Non riesce invece lo scatto salvezza a Cagliari e Empoli, che si annullano nello scontro diretto di Asseminello, mentre il Milan torva la prima, sospiratissima vittoria: fondamenta finalmente solide per i rossoneri, che tengono a bada il Genoa e colpiscono nel finale per togliere un fastidioso zero dalla casella dei successi stagionali.