Primavera 1, 20^ giornata: il big match è della Fiorentina

Primavera 1, 20^ giornata: il big match è della Fiorentina

Cadute, grandi vittorie e occasioni sprecate. Una 20^ giornata che non è proprio fatta mancare nulla, regalando un altro grande weekend (lungo) di grande calcio giovanile agli appassionati del campionato Primavera 1. Una categoria che si annuncia sempre più accattivante, alla luce di una lotta al vertice che vede le prime cinque delle classe racchiuse potenzialmente in appena tre punte, con le lotte per l'ultimo posto utile per le finali e per la salvezza che si infiammano giornata dopo giornata.

Ad intrecciare la corsa al vertice con quella per la permanenza in categoria è stata la sfida tra Atalanta e Cagliari. Ai sardi è riuscito il colpo gobbo di giornata, quello firmato da Andrea Carboni che ha permesso alla squadra di mister Canzi di sbancare Zingonia. La Dea può consolarsi col mantenimento del primato, perché il Torino non ha saputo approfittare k.o. della capolista: freschi di trionfo nella Supercoppa e impegnati nel posticipo del lunedì sera, i granata sono stati frenati da un Milan coriaceo, passato in vantaggio grazie al gol di Alessio Brambilla prima di essere riacciuffati dai padroni di casa. Toro che torna così al quarto posto, scavalcato da una Fiorentina extra-lusso che fa suo il big match e adesso vede la testa della classifica distante appena un punto. I viola schiantano l'Inter con un primo tempo da sogno, rendendo inutile la rete realizzata nel finale da Andrea Adorante. Avanti piano anche la Roma, che nel match domenicale contro il Palermo ha avuto la chance più grande proprio nel recupero: dal dischetto, però, Celar ha tradito, e i giallorossi si sono dovuti accontentare del pareggio in trasferta chiudendo la settimana amara che era iniziata con l'eliminazione ai rigori in Youth League per mano del Midtjylland.

Chi invece era atteso al varco, dopo la brutta figura con la Dinamo Kiev che è costata l'eliminazione nella baby Champions, era la Juventus. E i bianconeri hanno risposto presente, prendendosi con autorità la vittoria sul campo di un Chievo che era stato capace di passare in vantaggio con Massimo Bertagnoli, salvo poi arrendersi alla furiosa rimonta degli ospiti (in gol anche Biagio Morrone, Paolo Gozzi Iweru e Manolo Portanova). Non lontano dai bianconeri torna al successo il Napoli, che nell'anticipo del venerdì ha piegato di misura l'Udinese: a decidere il match di Frattamaggiore è stato il solito Gianluca Gaetano, autore di un gol-capolavoro che è valso i tre punti. Il fantasista azzurro, adesso, vede il trono del Ranking (sempre detenuto da Vincenzo Millico, che nel frattempo si è tolto lo sfizio di esordire in Serie A ma è uscito anzitempo dalla sfida col Milan, a causa di un problema muscolare) distante appena tre lunghezze.

Giornata importante anche per quanto riguarda gli equilibri in zona salvezza, definiti in modo particolare da due sfide. Al sabato, l'Empoli ha confermato il suo ottimo momento di forma andando a sbancare il campo del Sassuolo grazie ai gol di Giuseppe Montaperto e Davide Bertolini. Inutile, per i neroverdi, la prima rete dopo il rientro dal prestito allo Zwolle di Gianluca Scamacca. Nel primo posticipo del venerdì, invece, vittoria doppiamente importante centrata dal Genoa, che fa suo il derby della Lanterna contro la Sampdoria piazzando un allungo importante in classifica. Ancora decisivo capitan Flavio Bianchi, che ha dato la vittoria ai suoi col gol numero 8 in campionato. Per i doriani, vana la rete realizzata da Tommaso Farabegoli. Da segnalare una rissa al triplice fischio dell'arbitro, che nel parapiglia generale ha espulso un giocatore per parte.

CLICCA QUI PER RISULTATI E CLASSIFICA DEL CAMPIONATO PRIMAVERA 1

CLICCA QUI PER IL RANKING AGGIORNATO DEL PRIMAVERA 1