MVPrimavera 2, la top 11 LGI del girone d’andata

Siamo giunti al giro di boa della prima edizione del Campionato Primavera 2, la serie cadetta della nostra massima competizione giovanile. E' il momento di fare il punto sui migliori 11 italiani scesi in campo in queste prima tredici partite stagionali. Ecco la top 11 MVPrimavera 2, in collazione con MondoPrimavera.com.

PORTIERE

Alberto Corasaniti (Cittadella): il gagliardo portiere del Cittadella è sicuramente l'estremo difensore più interessante di tutto il campionato. Compensa con un coraggio da leone il fisico da brevilineo: ha personalità per due giocatori, gioca alto come i portieri moderni ed esce senza paura su ogni pallone.

DIFENSORI

Emanuele Cigagna (Venezia): uno dei guardiani della laguna. Mister Daniel può dormire sogni tranquilli se a guidare il reparto arretrato c'è il centrale classe '99 ex Liventina. Non ha saltato neanche un minuto e ha segnato anche due gol decisivi, senza contare che con lui in campo la squadra è uscita a reti inviolate per cinque volte su dodici.

Antonino Gallo (Palermo): ha iniziato come terzino sinistro, ma ha concluso la stagione impiegato come esterno di centrocampo: le prestazioni del rosanero classe 2000 non sono minimamente cambiato. Anche lui sempre impiegato, sempre con una media molto alta grazie anche ai due gol realizzati.

Riccardo Spaltro (SPAL): la difesa della SPAL è la seconda meno battuta di tutto il Primavera dopo quella del Cagliari. Uno degli artefici di questa solidità è sicuramente il difensore classe 2000 ex Roma, che ha dimostrato di sapersi disimpegnare piuttosto bene anche sull'out di destra. Non solo questo però, perché su sei punti pesano due suoi gol decisivi.

CENTROCAMPISTI

Federico Mastromarino (Cagliari): il trequartista che a tre anni fu "benedetto" da Roberto Baggio oggi raccoglie i frutti del duro allenamento e della qualità che incarna. Dieci presenze, due reti e tanto talento a disposizione di mister Max Canzi. La sua crescita non è ancora completa, il potenziale è sicuramente da tenere d'occhio.

Edoardo Tassi (Ascoli): il fuori quota di mister Di Mascio è ormai un jolly offensivo assolutamente imprendibile per gli avversari. Ha giocato appena otto partite in campionato, segnando sette reti e facendo continuamente impazzire le retroguardie con le sue giocate geniali.

Andrea Errico (Frosinone): il centrale ciociaro è uno dei protagonisti della stagione del Frosinone, che sogna ancora la promozione grazie anche alle prestazioni sontuose del classe '99: cinque gol, due assist, undici presenze e una convocazione in Serie B con la prima squadra. Difficile immaginare un inizio migliore di questo.

Oliver Urso (Cesena): nato a Copenaghen ma con la nazionalità italiana, il biondo centrocampista del Cesena dimostra di meritarsi la fascia da capitano dopo un girone d'andata giocato su livelli ottimi: sempre schierato, colleziona anche tre reti preziosissime. Con lui in mezzo al campo far girare la palla è tutta un'altra cosa.

ATTACCANTI 

Samuele Mulattieri (Spezia): se il Primavera 2 avesse un MVP complessivo sarebbe molto probabilmente l'aquilotto classe 2000, inarrestabile nelle prime tredici partite della stagione. Sempre schierato da titolare, non ha fatto mancare la propria presenza con ben nove gol realizzati: e dire che non è nemmeno una prima punta...

Matteo Stoppa (Novara): la prima apparizione l'ha fatto a metà ottobre, ma è riuscito a recuperare in pieno il tempo perduto. Sette gol in nove partite, l'oro di Novara ha un nome ed un cognome: Matteo Stoppa. Se mantiene questo ritmo può portare la squadra di mister Gattuso in Serie A.

Emanuele Fini (Cagliari): il classe 2000 è il nome a sorpresa della nostra top 11. Ha giocato solo una volta titolare, peraltro contro il Palermo all'ultima giornata. E allora? Ha segnato 3 gol in 173', tutti decisivi: in pratica ha fatto fare tre punti a Max Canzi per ogni ora che ha giocato. Non parliamo di un talismano, parliamo di un ragazzo che quando entra sa cosa fare.