U20 B, sbocciano tre fiori nel giardino cadetto

Ancora non ci siamo. I numeri Lgi del campionato cadetto non sono affatto soddisfacenti, né tantomeno paragonabili a quelli delle passate stagioni, soprattutto se si considera il boom di Under 21 azzurrabili in serie A. Nell'ultimo turno, tuttavia, ci sono un paio di motivi per sorridere. Li hanno offerti i nuovi "acquisti" della doppia graduatoria targata Giovane Italia. A cominciare dall'attaccante scuola Roma, Marco Tumminello (in foto con la maglia della Nazionale). Dopo i primi mesi trascorsi in sordina nella massima serie, all'ombra dei bomber Zapata e Barrow, l'Atalanta ha scelto di far fare le ossa all'ex centravanti capitolino spedendolo in Salento, in serie A. Un passo indietro necessario per potergli permettere di compierne... due in avanti: Tumminello avrà quattro mesi davanti per dimostrare il proprio valore. Magari contribuendo alla cavalcata promozione dei pugliesi. Stesso discorso per Luca Matarese, attaccante che ha fatto io medesimo percorso di categoria del bomber atalantino, passando, però, dal Frosinone al Foggia. Un'impresa di altra natura attende il giocatore approdato sul Gargano dopo la lunga militanza ciociaria: i "satanelli" hanno necessità di salvare la pelle, soprattutto per via di una penalizzazione che ne ha inficiato l'avvio stagionale. A completare il tris di buone notizie ci ha pensato André Anderson Pomilio Lima, fantasista della Salernitana di origine carioca che ha sposato la causa dell'Under 20 azzurra. Il ct Paolo Nicolato, non proprio uno sprovveduto, ha sfruttato lo status di oriundo del giocatore in forza alla squadra campana e lo ha convocato in Nazionale. Uno degli effetti di questa scelta operata dall'allenatore ex Chievo è stata quella di spalancargli anche le porte dei ranking Lgi (seppur non possa giovare del pregresso: anche lui è assimilabile a un "nuovo" acquisto). Anderson entra in gioco con un +4, per aver giocato 79' nell'ultimo incontro.

Poco rumore in graduatoria. I nuovi innesti hanno messo una pezza in una giornata che, altrimenti, sarebbe stata poverissima di spunti e di... interpreti. Oltre al tris Tumminello-Matarese-Anderson, da segnalare la presenza in campo del solito Tonali del Brescia, di Ranieri del Foggia, Melegoni e Del Sole del Pescara. Poca roba. Pochissima.

Ex Lgi. Anche i giocatori che nel recente passato hanno virtualmente indossato la maglia de La Giovane Italia si sono presi una pausa. Se non fosse stato per il posticipo cadetto, non ci sarebbe stato nulla da segnalare. Ci hanno pensato Pinato del Venezia (assist) e Palombi del Lecce (gol) a salvare l'onore dei veterani.

Ecco le Classifiche di rendimento B