Allievo Modello – Under 17 AeB, impressiona il Frosinone e che goleada per il Bologna!

Vincono tutte le big o aspiranti tali: il campionato Under 17 inizia a prendere fisionomia e tratti precisi, in particolare per quanto riguarda la vetta dei tre gironi. Anche se tra match da recuperare e le solite intriganti sorprese – quest'anno sono Cagliari e Cesena le più attive tra le outsider, ma stanno emergendo anche Frosinone e Perugia, approfittando della mini-crisi del Benevento – c'è ben poco di sicuro, negli equilibri dei tre gruppi. Partiamo però come di consueto, con ordine, dal primo raggruppamento!

GIRONE A

Carpi-Sampdoria 1-0 [Mazza]

Cremonese-Genoa 0-1 [Malltezi]

Fiorentina-Parma 3-1 [Servillo, Simici, N.Pierozzi – Kasa]

Juventus-Empoli 2-0 [Petrelli, Leone]

Pro Vercelli-Entella 1-1 [Colombo – Lai]

Sassuolo-Spezia 0-0

Torino-Novara 3-2 [Moreo (2), Kone – Zunno, Paroutis]

Tutto tranquillo, o quasi, per le candidate ai primi posti della classifica: torna in campo e torna a vincere la Juve di mister Pedone, anche grazie al 6° sigillo in 7 partite di Elia Petrelli, bomber vero del gruppo bianconero. Resta agganciato però il Genoa, dopo una sofferta ma importante vittoria a Cremona; la partita più bella di giornata è il derby piemontese tra Toro e Novara, con la squadra di Terni avversario a dir poco scomodo per i ragazzi di Sesia. Ancora in gol Marco Zunno, che si conferma elemento di qualità, sempre pericoloso nella fase offensiva degli azzurri, trafitti però da una doppietta del singolo più in forma dei granata e tra i più interessanti di tutto il campionato, in questo momento: è sempre lui, Niccolò Moreo, quello dei timbri da 3 punti. Tris del Torino, tris in risposta anche della Fiorentina, dove spicca il rendimento impressionante di un altro Niccolò... E' un nome che rassicura insomma, per la Viola il cognome a seguire è Pierozzi, il ruolo un po' diverso e sicuramente non quello di attaccante d'area ma il rendimento altrettanto impressionante. Soprattutto se si considerano le reti messe a segno finora. Detto delle prime 4 della classe, l'unica sorpresa dello scorso weekend è la caduta della Samp sul campo del Carpi: dopo 4 successi in serie, secondo KO stagionale per i giovani blucerchiati, puniti dal primo gol in campionato di Lorenzo Mazza. Chiudono il quadro due pareggi, che confermano come Sassuolo e Spezia stiano vivendo una stagione per ora molto differente da quella – per entrambe – esaltante del 2016/17, in categoria e come la Pro Vercelli abbia conquistato 5 dei suoi 6 punti grazie ai gol (5, top scorer della squadra) di Alessandro Colombo. Uno che quando si tratta di infilare alle spalle del portiere calci piazzati di qualsiasi tipo e non solo, perdona raramente...

GIRONE B

Bologna-Hellas Verona 8-0 [Rabbi (2), Rocchi (2), Portanova, Mele, Djwomo Adusa, autogol]

Cagliari-Venezia 3-0 [Cannas, Agostinelli, Contini]

Chievo Verona-Cesena 0-1 [Bellucci]

Lazio-Inter 0-4 [Fonseca (2), Vaghi, Esposito]

Milan-Cittadella 5-2 [Haidara, Maldini, Tonin (2), Vocale – Rosa, Fior]

SPAL-Brescia 2-2 [Minaj (2) – Fode, Lussignoli]

Udinese-Atalanta 1-2 [Battistella – Cortinovis, Gyabuaa]

I pochi gol, rispetto alla media, segnati nel gruppo A vengono equilibrati questa settimana dalle goleade di Bologna, Milan e Inter nel secondo raggruppamento: addirittura 8 i gol rifilati dai 2001 emiliani al Verona, che pure finora non aveva mai sfigurati raccogliendo diverse soddisfazioni. Uragano rossoblu però suoi veneti, con Portanova II (si sarebbe detto una volta, Denis, di cui vi abbiamo parlato settimana scorsa) ancora in gol assieme – tra gli altri – al talentino Matias Rocchi. Un 2002 che vedremo presto già in categorie superiore, come se non bastasse giocare un anno sottoetà... Cinquina poi del Milan di Lupi al Cittadella, con il tridente "pesante", quello che lo ricordiamo sempre è l'attacco scudettato dell'ultimo campionato U16, Maldini-Haidara-Tonin a travolgere la resistenza avversaria. Molto bene anche l'Inter, con poker secco calato a Roma contro la Lazio: torna al gol Fonseca Jr, altro figlio d'arte da tenere d'occhio, così come il velenoso Sebastiano Esposito. Un 2002 che, dopo le caterve di gol dello scorso anno con i coetanei, sta dimostrando di meritarsi la vetrina dell'Under 17 per fame e determinazione, entrando sempre dalla panchina e lasciando la sua firma sui match. Ma come detto le squadre che lottano per i vertici della graduatoria hanno vinto tutte, chi con più difficoltà – vedi l'1-0 esterno di un Cesena quadrato e che continua a volare – chi più agevolmente: è il caso del Cagliari di mister Melis, trascinato nuovamente dalla coppia d'oro Cannas-Contini. Due per i quali iniziamo a faticare a trovare nuovi aggettivi, visto che ormai i focus su di loro iniziano a susseguirsi con una certa continuità! Discorso simile per il diamante dell'U17 nerazzurra di mister Bosi, l'Atalanta sempre più caratterizzata dalle giocate di Alessandro Cortinovis. Sono stati lui e Gyabuaa, centrocampista più volte convocato dalle Under azzurre, cresciuto nel Parma e che ha stregato un po' tutti nelle ultime stagioni per forza fisica e intensità di gioco, a vincere l'opposizione dell'Udinese e tenere la loro squadra sui giusti binari. A chiudere l'analisi del girone, ecco infine il pari tra SPAL e Brescia, entrambe ancora in attesa della prima gioia (nonchè vittoria) stagionale.

GIRONE C

Foggia-Ternana 1-1 [Greco – Mercuri]

Avellino-Pescara 1-2 [Coiro – Napoletano, Angelozzi]

Palermo-Bari 1-1 [Preti – Monterisi]

Crotone-Napoli 1-2 [Filosa – Labriola (2)]

Frosinone-Salernitana 2-0 [Altobello, Veneruso]

Perugia-Benevento 1-0 [Corsi]

Roma-Ascoli RINVIATA

Dopo il pirotecnico 7° turno, ricco di gol (ben 28), fine settimana di magra per il terzo raggruppamento: solo 13 le reti a referto, complice anche il rinvio del match della Roma. Giallorossi in ogni caso in vetta, raggiunti però da un Frosinone sempre più lanciato: non sorprendono più i ciociari, che stanno trovando nella coppia Veneruso-Altobello una sicurezza in termini di realizzazioni. Quinta vittoria consecutiva per i ragazzi di Marsella, probabilmente la squadra più in forma in assoluto in questo momento.

    

Da applausi anche il Perugia di mister Violetti, capace di infliggere la terza sconfitta di fila ad un Benevento in crisi d'identità dopo lo sprint incredibile delle prime giornate: l'1-0 che proietta in alto gli umbri porta in calce la firma di Tommaso Corsi, arrivato a quota 3 in campionato. E che, quando ha segnato, ha sempre portato i 3 punti alla squadra! Uno dei protagonisti di giornata poi è Valerio Labriola, che con la prima doppietta della sua stagione permette al Napoli di espugnare il sempre complicato campo di Crotone: 5 reti per uno dei cannonieri del girone, sempre più determinante negli equilibri del team di mister Chianese. Nelle altre sfide, nuovo (mezzo) passo falso per il Palermo, stoppato in casa dal Bari; 1-1 il finale anche tra Foggia e Ternana, anche se tra le fila rossoverdi continua a dare ottima prova di sè l'ex Lodigiani Luca Mercuri, certamente il singolo più positivo di questo avvio stagione per mister Brevi. Infine seconda soddisfazione stagionale per il Pescara, la prima vittoria esterna per i 2001 di Ruscitti. Anche in questo caso c'è un marcatore-simbolo, uno che ha messo lo zampino e il timbro su entrambe le gare da 3 punti, Paolo Napoletano. Un'attitudine importante la sua, considerando l'anno in meno sulla carta d'identità e quanto riesca ad essere ugualmente decisivo sottoporta!