Glionna show, Filangeri insormontabile, per delle U19 assolute protagoniste della Serie A

La Serie A continua e continua ad essere disputata su ritmi impressionanti: il Brescia e la Juventus risultano corazzate imbattibili, il Tavagnacco ed il Chievo Verona sono delle vere e proprie rivelazioni, la Fiorentina zoppica e non poco, il Sassuolo è inchiodato sugli zero punti, per chissà quale motivo...
Insomma  il primo palcoscenico calcistico femminile sta regalando emozioni ed offrendo spettacolo, con un campionato avvincente da Torino a Bari, da Firenze ad Udine.
Se vogliamo parlare di reti e di brividi, di quelli forti, dobbiamo partire da Benedetta Glionna, attaccante della Juventus, classe 1999: feroce, dilaniante nelle sue discese a divorarsi gli ultimi metri, cinica e fredda nello stoccare verso i numeri uno avversari, non lasciandogli scampo. A Bari ancora una rete, per una trasferta risolta appunto dalla sua marcatura e da quella di Bonansea.
Per un attaccante che risulta imperdonabile, invece, vi è una centrale difensiva accorta, precisa negli interventi, dalle tempistiche di una giocatrice di esperienza quando invece è solo una classe 2000 ed è solo al primo anno di Serie A. Stiamo parlando di Maria Luisa Filangeri, che, nella partita a Monteboro, contro la Res Roma, ha sorretto da sola la linea arretrata locale, un po' come Atlante sorreggeva sulle spalle il globo, risultando la meglio in campo dopo Martinovic, l'autrice della tripletta capitolina.
Archiviate quindi il miglior centravanti e il miglior difensore a misura U19 della giornata, la palla passa alla centrocampista, quella che sa come smistarla e regalarci giocate di fine regia o repentine verticalizzazioni: Manuela Giugliano, ormai regista di qualità del Brescia, classe 1997, contro il Ravenna ha giganteggiato tra Errico e Campesi, nonostante il suo fisico minuto ma esplosivo, grazie ad una qualità nel palleggio e nell'impostazione mostruosa e priva di sbavature, nel lungo così come nel corto.
Ma insomma oltre a Glionna, Filangeri e Giugliano di giovani e atlete promettenti possiamo citarne molte e molte altre, che hanno debuttato o stanno giocando solidamente in Serie A: un bacino numeroso, dalle doti tecniche, atletiche e tattiche importanti, un vero e proprio serbatoio che il CT Milena Bertolini avrà a disposizione per il futuro e che La Giovane Italia si impegna a porre alla ribalta e valorizzare.
Perchè il futuro, anche quello calcistico, è delle giovani.

Clicca qui per osservare le classifiche di rendimento LGI