Aprile in colpo di reni: La maglia del Bari seconda pelle!

Roberta Aprile, portiere del Bari, classe 2000, non va per il sottile: "Salvarsi" la parola d’ordine, "Crederci" il termine indispensabile sulle rive dell'Adriatico, due vocaboli  che con maturità  ha fatto propri e che esprime con determinazione caricando la propria squadra.
A pochi giorni dall'uscita del nuovo almanacco LGI la giovane atleta del galletto si è  così raccontata, in un'intervista che getta del sale e del pepe sull'interessante stagione bianco-rossa.

Bari sorprendente, passante anche per i saldi guantoni di Roberta Aprile.

"Ebbene si, abbiamo stentato all’inizio di stagione, sia per l’adattamento in Seria A sia per gli impegni difficili delle prime partite, ma poi siamo venuti fuori e siamo cresciuti in prestazioni e carattere, grazie anche al grande lavoro del mister. Ad ognuno i rispettivi e propri meriti."

Cosa si prova ad indossare la maglia del galletto?

"Per me è tutto, è la mia seconda pelle e voglio, mi impongo, di ricambiare la fiducia della società con delle prestazioni importanti.
Lo so che non sarà facile, nessuno dice ciò, però dovrò cercare di far vedere la migliore me stessa tra i pali, durante tutti gli impegni ufficiali."

Ed a prendere coscienza di essere una classe 2000 titolare in Serie A?

"Sono contenta di essere uno dei portieri più giovani del massimo campionato italiano. E' un sogno che rincorrevo e che rincorro ancora adesso, ma quando scendo in campo mi dimentico di viverlo e passo agli atti concreti."

Questa settimana è uscito il nuovo almanacco de "La Giovane Italia"... Per te edizione numero?

"Credo sia la terza e spero non sia l'ultima. Il vostro progetto è come una benzina che da energia e stimoli: guai se manca!"

Dai, allora portiamo bene.

"Sicuramente mi ha portato fortuna e, come detto in precedenza, è un bel progetto, il quale valorizza i giovani talenti italiani. Mica tutti riescono a farlo con passione e professionalità come voi."

Non ci rimane che dire che, con tali promesse, vedremo Aprile salvare il suo Bari.

"Desidero centrare il prima possibile l’obiettivo prefissato ad inizio stagione, ossia la salvezza, pur avendo coscienza che il girone di ritorno sarà più tosto di quello di andata. Quindi dovremo impegnarci ancora di più, sudare ed applicarci al massimo, per far sì che il nostro sogno si realizzi! "

Foto: Bari Official Page.