U21 A, sulla settima giornata c’è il timbro di Kean

Da prima pagina. La zampata del leoncino scaligero Moise Kean dà un senso alla giornata Lgi. L'attaccante prestato al Verona dalla Juventus ha la furbizia giusta per trovarsi sulla traiettoria di Cerci e segnare, in un sol colpo, la rete che riapre la gara contro il Torino e il suo primo centro stagionale, lasciando il segno nel derby personale contro i granata. Mica male. A voler portare un po' d'acqua al mulino Lgi, l'altro traguardo toccato da Kean è l'ingresso nella Top Ten del ranking di rendimento. L'attaccante scuola Juve è balzato dalle retrovie grazie ai 9 punti collezionati nella gara di Torino (+5 per la presenza da inizio a fine gara, +5 per il gol e -1 per l'ammonizione beccata nel corso del match). Anche nella graduatoria che tiene conto del minutaggio, il giocatore in forza al Verona compie un salto notevole grazie ai 104' in campo (benedetta Var...).

Ranking rendimento e minutaggio*. Per i giovani Lgi sarà l'anno dei fedelissimi. Che vadano di moda o meno, sta di fatto che gli under 21 azzurrabili iniziano a piantare le tende sui campi di serie A. Al di là dei mammasantissima acclarati del nostro calcio (Donnarumma non è più un deb o una lieta novella ma una conferma, mentre per quanto riguarda Chiesa si fa fatica a considerarlo un giovanotto alle prime armi), ne fanno capolino altri, con una discreta continuità. Basti dare un'occhiata alla classifica di rendimento Lgi che, oltre al portiere del Milan, mette in risalto l'imprescindibilità di altri giocatori: da Barella del Cagliari (fresco di convocazione in Nazionale) ad Adjapong del Sassuolo, passando per Mandragora del Crotone e Pellegri del Genoa. Nella classifica che tiene conto del minutaggio, invece, da tenere d'occhio l'ascesa di altri underdog. Un nome su tutti? Lorenzo Pellegrini. La Roma è impegnata in tre competizioni e il centrocampista tornato a Trigoria dalla formativa esperienza sassolese morde il freno in attesa di estrarre qualche golletto (ergo: punti Lgi) dalla faretra.

Amarcord di giornata. C'è anche chi le graduatorie Lgi non le frequenta per... raggiunti limiti d'età, ma una menzione speciale la merita Bryan Cristante dell'Atalanta, frequentatore abituale delle graduatorie giovanili fino allo scorso anno. Il suo stacco vincente contro la Juve (mica cotica...) è di una bellezza seconda solo alla prestazione offerta contro la Signora.

Sei curioso di visitare il ranking di rendimento e la classifica del minutaggio? 

Clicca qui! (solo per utenti registrati)